La sensibilità oggi è un difetto. Per sconfiggere il machismo, dobbiamo fare pace con le emozioni.

Sharing is caring!


Su YouTube si trova un video caricato sul canale del Washington Post intitolato “Real men cry, just ask these guys”. In due minuti si vedono personaggi del cinema, sportivi e persino politici versare lacrime. Alla fine c’è una scritta che recita più o meno così: “Va bene, ragazzi. Potete farlo”. Tra i mille tabù che sopravvivono in una società ancora per molti versi machista, uno dei più duri a morire è quello che gli uomini non possano e non debbano piangere: troppo spesso vediamo ancora questo fatto come un simbolo di umiliazione e debolezza, anche se non lo è affatto. “Los chicos también lloran”, recitava lo slogan di una campagna della casa di moda spagnola Loewe: ma è davvero necessario pubblicizzare questo fatto come qualcosa di sorprendente oggi?

Da qualche tempo abbiamo iniziato a vedere un’inversione di tendenza, basti pensare al pianto di Nanni Moretti, una persona che generalmente viene considerata come tutta d’un pezzo, dopo la standing…

>>Leggi l’articolo completo

Fonte: The Vision