Ritorno a Vicenza: la scelta di cuore del “polmone” Di Carlo

Sharing is caring!


Una vita (vera) da mediano, poi il cambio di marcia. Fino al 1990 Domenico Di Carlo era uno dei tanti che si vedevano sui nostri campi: corsa, determinazione e anonimato, galleggiando tra quelle che si chiamavano C1 e C2. Nell’anno del Mondiale italiano, la svolta. Il centrocampista approda a Vicenza, ancora C1, ma almeno con un progetto, con l’obiettivo di ridare dignità a una piazza che aveva scritto pagine importanti. Su tutte, la squadra allenata da Giovan Battista Fabbri, che…

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l’abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Leggi l’articolo completo >>

Fonte: Il Foglio